Primavera, De Rossi: “Siamo vicini a raggiungere le fasi finali, è il nostro obiettivo”

Al termine della sfida di campionato contro il Torino l’allenatore della Roma Primavera,Alberto De Rossi, ha commentato la vittoria della sua squadra arrivata grazie ad un gol di Celar. Queste le sue parole:

DE ROSSI A ROMA TV

Vinta una battaglia sportiva?
“La Roma è stata brava a mantenere il risultato, la pressione del Torino era alta e ci ha messo in difficoltà e questo dà ancora più valore alla vittoria dei nostri ragazzi”.

La Roma aveva già dimostrato di sapersi calare in certi contesti?
“Questa è una situazione diversa dalla nostra mentalità, ma il calcio è anche questo. Il campo era pesante ma ha tenuto bene, e il calcio deve essere affrontato come le situazioni richiedono”.

Il secondo gol non arrivava?
“C’è stata qualche occasione da sfruttare meglio, anche il palo. L’unico piccolo appunto da fare ai ragazzi, abbiamo avuto quattro occasioni da sfruttare ma hanno comunque messo tanto spirito di sacrificio, non gli si può dire nulla”.

Dimenticato il passo falso contro la Fiorentina, ci si prepara a sfida complicate?
“Siamo partiti in sordina e con un cambiamento totale, mai stato così, almeno con la mia gestione. C’erano tanti stranieri, siamo arrivati all’apice e stiamo trovando importanti idee di gioco e di carattere. C’è spirito di soffrire in partite che ci mettono in maniera diversa rispetto al nostro modo di giocare”.

Oggi 600 panchine sulla panchina della Primavera?
“Vi ringrazio, pensavo fosse una battuta. Questo è emozionante, un traguardo importante, chi l’avrebbe mai detto il primo giorno. Spero continui, noi guardiamo sempre avanti”.

DE ROSSI A RAI SPORT

Oggi i ragazzi molti bravi?
“Bravo anche il Toro, hanno fatto bene fisicamente, noi abbiamo dovuto affrontarli in un campo fuori dal nostro. Abbiamo trovato questa qualità di carattere, il risultato è giusto”.

Ci si avvicina alla vetta?
“Siamo vicini a raggiungere le fasi finali, è il nostro obiettivo. Abbiamo avuto un calo nella parte centrale dovuto dai tanti impegni ma i ragazzi si sono ripresi, hanno creato un gruppo forte, all’inizio era disomogeneo”.

Oggi è stato difficile mantenere la concentrazione?
“Oggi abbiamo giocato con una squadra forte, che gioca sia corta sia lunga e poi verticalizza. Se ti abbassi non si trovano le distanze, non è stato facile ma i ragazzi ci stanno sorprendendo”.

Peccato che non ci vedremo al Viareggio?
“L’abbiamo fatto tanti anni, siamo veterani ma gli impegni sono troppi e i ragazzi sono stremati. Più di 50 partite in un anno mi sembrano troppe”.

Fonte: Pagine Romaniste

Condividi